giovedì 15 novembre 2012

parla anche tu




Parla anche tu,
parla per ultimo,
dai voce alla tua parola.

Parla –
ma non separare il No dal Sì.
Dai alla tua parola anche il senso:
dalle l’ombra.

Dalle ombra a sufficienza,
dagliene tanta,
fino a saperla attorno a te divisa
tra mezzanotte e mezzogiorno e mezzanotte.

Guardati intorno:
vedi come ovunque tutto è vivo –
Vicino alla morte, eppure vivo!
Dice la verità, chi dice ombra.

Ma ora si restringe il luogo dove stai:
in quale posto andrai, spogliato delle ombre, dove?
Sali. Tenditi verso l’alto come puoi.
Più esile diventerai, irriconoscibile, più sottile!
Più sottile: un filamento,
lungo il quale cerca di calarsi nell’abisso, la stella:
per nuotare laggiù, proprio laggiù,
dove si guarda splendere: nella risacca
di parole erranti.
__________________________
Paul Celan, Sprich auch du,
da: Von Schwelle zu Schwelle (Di soglia in soglia, 1955)



6 commenti:

  1. Ciao Patrizia,
    tempi di novità e sorprese!
    Venendo da te per per ringraziarti di essere ancora tra i miei lettori sul nuovo blog( con grande piacere ti ho visto comparire tra i primi arrivi)ho trovato la nuova suggestiva immagine dell'intestazione,che personalizza ancora di più questo tuo spazio espressivo.
    Complimenti,ancora grazie e a presto!
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Marilena! e complimenti anche al tuo nuovo blog.
      Un grande in bocca al lupo!
      Patrizia

      Elimina
  2. Bella!
    Mi piace questa nuova veste :)
    Ti abbraccio forte,
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che bella sorpresa e che bella Tu!
      Grazie Paola
      un bacio e un abbraccio
      Patrizia

      Elimina
  3. La foto parla da sola... bellissima.
    Ciao Patrizia
    Un abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Maurizio,
      un abbraccio a te
      Patrizia

      Elimina